Pubblicato: 15 luglio 2018

Festa Santa Sinforosa, Getulio e figli martiri Tiburtini

Autore: parrocchiasanmichele.org

18 luglio  – Festa di Santa Sinforosa, San Getulio e figli martiri tiburtini.

Solenne Celebrazione Eucaristica ore 18.00 – diretta streaming sul seguente link

Diretta (live)


• Sulla via Tiburtina, al IX milliario (oggi km. 17,450) viveva una donna chiamata Sinforosa con i suoi 7 figli che si chiamavano Crescente, Giuliano, Nemesio, Primitivo, Giustino, Statteo ed Eugenio.
La donna viveva nei pressi della maestosa villa dell’imperatore Adriano, colui che aveva ordinato la morte del marito Getulio, del cognato Amanzio e dell’amico di questi Primitivo.
L’imperatore Adriano dopo aver ultimato la sua grandiosa villa, si dice che volesse, prima di inaugurarla, consultare gli dei, i quali gli dissero, che la vedova Sinforosa e i suoi sette figli, li “straziavano ogni giorno invocando il suo Dio, perciò, se Sinforosa e i suoi figli sacrificheranno per loro, essi faranno quanto l’imperatore gli chiedeva”. Adriano allora, chiamò il prefetto Licinio, e ordinò che Sinforosa fosse insieme ai suoi figli arrestata e condotta al tempio di Ercole.
Poi con lusinghe, con minacce e con ricatti, cercò di farla desistere e a sacrificare agli idoli, ma la Santa con animo nobile si appella all’esempio di Getulio e degli altri compagni di martirio del marito. Visto che la donna non si piegava ai suoi voleri, l’imperatore rinnovò di sacrificare insieme ai suoi figli agli dei pagani, oppure sarebbero stati sacrificati essi stessi, ma la Santa fu irremovibile, come pure lo fecero i suoi sette figli.
L’imperatore, visto vano ogni tentativo, ordinò che Santa Sinforosa fosse torturata a sangue. Dalla tortura però l’imperatore non ci ricavò nulla, e spazientito da quella resistenza, diede ordine alle guardie di legare un grosso sasso al collo di Sinforosa, e di gettarla nel fiume Aniene, affinché annegasse.
Poi venne la volta dei figli; furono presi da parte, e l’imperatore chiese a loro di sacrificare agli dei. Vista la resistenza dei ragazzi, ordinò che fossero condotti anch’essi al tempio di Ercole, dove con minacce e con lusinghe tentava condurli dalla sua parte; ma visto che non ci riusciva, ne con le buone e ne con le cattive, l’imperatore ordinò che tutti e sette fossero posti alla tortura, ed infine fossero trafitti con la spada, poi li fece gettare in una fossa comune e profonda del territorio tiburtino, che i pontefici chiamarono “ai sette assassinati”.
Dopo circa 2 anni, essendosi calmato il furore delle persecuzioni contro i cristiani, il fratello della martire Sinforosa, Eugenio, ne raccolse i corpi e li seppellì .

Ai primi del ‘ sorse ‘900 a Bagni di Tivoli una chiesa dedicata a S. sinforosa ed ai martiri Tiburtini.

Dopo la distruzione, a causa dei bombardamenti del 1944, della bella chiesa classicheggiante di S. Sinforosa che si trovava al centro di Tivoli, il culto della Santa Martire è stato trasferito nella nostra parrocchia dove sono custodite delle reliquie della santa.

Pubblicato: 15 luglio 2018
Autore: parrocchiasanmichele.org
Archivio: Articoli | IN PRIMO PIANO | News
Categoria articolo: Santi
Edizione: L'Articolo

EDIZIONE

L’Articolo

Archivio degli articoli presenti nel portale. ... "Sfoglia Edizione..."
Rif. Edizione: 355 | Rif. Numero: 384 | Rif. Sigla: 386

EDIZIONE NUMERO

Santi

Archivio vita dei Santi- "Sfoglia il numero..."